NASCAR rilascia gli orari delle gare 2018

Un paio di giorni fa NASCAR ha ufficializzato, in accordo con Fox ed NBC gli orari delle gare della Monster Energy Cup Series per il campionato 2018.

Il campionato scatterà il prossimo 18 di Febbraio con la consueta Daytona 500 e si snoderà per 36 gare fino a Miami il 18 Novembre 2018.  Interessante notare che nel calendario, tutte le gare della East Coast non inizieranno prima delle 2 del pomeriggio, quando in Italia saranno le 20 o più tardi.

Questo potrebbe portare a terminare le gare nelle ore serali, soprattutto nel periodo autunnale.

Tra le gare con green flag sotto le luci figurano il Duel di Daytona il 15 di febbraio alle 19 (1 del mattino in Italia), Richmond il 21 Aprile alle 18.30 ( 00.30 in Italia), Kansas il 12 Maggio alle 20.30 (2.30 in Italia), Charlotte il 27 Maggio alle 18 ( 00.00 in Italia), Daytona il 7 Luglio alle 19 ( 1 del mattino da noi), Kentucky il 14 luglio alle 19.30 (1.30 del mattino), il 18 Agosto a Bristol alle 19.30 (1.30 in Italia), il 2 di Settembre a Darlington alle 18 ( Mezzanotte in Italia) ed infine Richmond il 22 settembre alle 19.30 ( 1.30 del mattino in Italia).

Da ricordare che sono stati effettuati vistosi cambiamenti nel calendario, con Chicagoland spostato a luglio anziché a settembre, New Hampshire che perde la data dei playoff lasciando intatta la gara estiva ed unica data stagionale, Indianapolis a fare da fanalino di coda al campionato regolare, il quale sancirà il top 16 per i playoff, mentre la grande novità rappresenta il primo round dei playoff 2018: Las Vegas farà da apertura e seconda data stagionale, Richmond in notturna come tappa di mezzo, entrambe per la prima volta all’ interno del formato ad eliminazione per il titolo, e Charlotte in versione Road Course per la prima volta nella sua storia.

Di seguito il calendario con tutte le specifiche del caso, in preparazione per la nuova stagione della Monster Energy Cup Series.

calendario orari

Matt Kenseth lascia NASCAR a fine stagione

Il veteranissimo Matt Kenseth, 45 anni ha deciso di prendere una pausa dalla NASCAR scendendo definitivamente dalla Toyota numero 20 del Joe Gibbs Racing a fine stagione, a favore del giovane Erik Jones. Il fatto che non abbia trovato un volante disponibile per il 2018, pone l’esperto pilota, vincitore del campionato 2003 con la  forte possibililità di un ritiro ufficiale dalle corse.

Al contrario di Earnhardt Jr, che sta completando il suo “farewell tour” con tutti gli onori del caso, Kenseth se ne va nel silenzio, come forse non avrebbe mai voluto. Un pò come Biffle, suo ex compagno di team con Jack Roush.

Non avendo trovato un posto libero per la stagione prossimo con la speranza svanita di terminare con Hendrick, il quale ha scelto un numero di giovani rampanti al suo posto, Kenseth si prende una pausa che può durare un mese oppure due mesi, o addirittura per sempre.

Matt Kenseth figura come uno dei migliori piloti degli ultimi anni, nel quale ha racimolato importanti risultati. 1 campionato NASCAR (2003), 38 vittorie, 180 top 5, 325 top ten,11.689 giri compiuti in testa ,18 poles positions e 648 gare disputate ( il maggior numero tra tutti i piloti attivi) in 18 stagioni nella massima serie. Gli restano due gare Phoenix e Miami per completare tutte le statistiche aggiornate della sua magistrale carriera.

Un Kenseth, che ha perso la speranza della conquista del secondo titolo in Kansas qualche settimana fa causa un errore del suo pit crew che lo hanno portato alla squalifica dalla gara e dai playoff. Un risultato che ha forse sancito la fine della sua carriera.

Qualora non dovesse tornare, Kenseth oltre alla sua stratosferica quantità di eccelsi risultati verrà anche ricordato per il celeberrimo confronto con Brad Keselowski nel 2014 in diretta tv.

Di seguito il video completo.

Darian Grubb Criew Chief di William Byron nel 2018

L’esperto Crew Chief Darian Grubb è stato scelto da Rick Hendrick come persona che guiderà il giovane William Byron durante la stagione 2018, seguendo la Chevrolet Camaro ZL1 24 del pilota.

L’ esperienza di Grubb nel campo potrebbe calzare a pennello con il novellino di Byron, già citato da alcuni come erede di Jimmie Johnson.

“Questo è l’ultimo tassello per la nostra line up per 2018” ha detto Rick Hendrick. Grubb si aggiunge così ad Alan Gustafsson con Chase Elliott, Chad Knaus con Jimmie Johnson e Greg Ives con il neo arrivato Alex Bowman.

Grubb ha dal canto suo 23 vittorie nella massima serie ed il titolo 2011 al fianco di Tony Stewart. In carriera ha sostituito Chad Knaus per un paio di volte conquistando la DAYTONA 500 con Jimmie Johnson nel 2006; Poi, dal 2012 al 2014 è stato al fianco di Denny Hamlin ed infine segue Kasey Kahne nelle sue ultime gare con Hendrick Motorsports.

Un tassello importante per il team. che fatta eccezione di Johnson schiera dei giovani rampanti destinati a fare forse, la storia di questa categoria.  William Byron 19 anni, Chase Elliott 21 anni e Alex Bowman 24 anni.

William Byron guiderà la celeberrima Chevrolet 24 al momento, in mano a Chase Elliott, il quale passera alla Chevrolet 9 dal prossimo anno. Una grande opportunità per Byron, ma anche il fardello pesante delle vittorie, che finora Chase Elliott, non è riuscito a sfatare. Al momento solo Gordon con i suoi 93 successi figura come unico vincitore su questa vettura.

Byron, attualmente nella stagione da rookie nella Xfinity Series ha accumulato finora, 3 successi e 19 top ten condite da due pole positions. Figura nei playoff alle spalle di Allgaier, al secondo posto in classifica nel Round of 8 con forti possibilità di arrivare in finale e vincere il titolo Xfinity Series.

Darian Grubb

 

 

 

Bubba Wallace con RPM nel 2018

Mentre stagione della Monster Energy Series si avvia verso la conclusione, continua a completarsi la rosa per il campionato del prossimo anno.

Sarà Darrell Wallace Jr a salire sulla Ford Fusion 43, la celeberrima auto che ha generato e consolidato la leggenda di Richard Petty sulla quale ha ottenuto 192 delle 200 vittorie in carriera.  Wallace sarà il decimo pilota di quest’auto da quando Richard appese il volante al chiodo a fine stagione del 1992. Prima di lui sono passati John Andretti, Wally Dallenback, Bobby Hamilton,Christian Fittipaldi, Jeff Green, Bobby Labonte, Reed Sorenson, A.J. Allmendinger ed Aric Almirola, dei quali solo Hamilton, Andretti ed Almirola sono riusciti a riportare la vettura 43 in Victory Lane per un totale di 4 vittorie.

Wallace sarà anche il primo afro-americano a gareggiare full time nella massima serie, il quale ha già corso quest’anno prendendo il posto di Almirola per quattro gare, quando il cubano-americano è stato costretto a saltare dieci gare causa infortunio nella gara primaverile in Kansas.

Per quel che concerne Aric Almirola, al momento figura come pilota senza volante per la stagione 2018, seppur le speculazioni dei mesi scorsi lo davano sulla Ford Fusion 10 del Stewart-Haas Racing. Dunque nessuna notizia ufficiale e Almirola si aggiunge alle voci di Matt Kenseth. Kurt Busch, Danica Patrick, Landon Cassill e Michael McDowell tra i piloti free agent.

Almirola  ha ottenuto in carriera 1 vittoria a Daytona nel luglio 2014, 1 pole position a Charlotte nel 2012 e soli 176 giri in testa all’ attivo. Con solo tre gare rimaste nel campionato odierno, non ha molto ancora da dimostrare se non nella speranza di qualche buon risultato che possa valergli un sedile per il 2018.

Il Richard Petty Motorsport dovrebbe continuare la sua presenza in campionato con una sola organizzazione, la Ford 43.

GTY 694833794 S SPO MOT NAS USA PA

 

Hendrick Motorsports svela le livree del 2018

Per la prima volta nella sua storica carriera più vittorioso della NASCAR, quello di Rick Hendrick  ha svelato nella notte italiana le livree delle quattro nuove Chevrolet Camaro che scatteranno nella Daytona 500 2018.

Le auto sono state presentate dai piloti accompagnati da personaggi leggendari di questo sport. Alex Bowman affiancato a Dale Earnhardt Jr ha svelato la Camaro 88 targata Nationwide. Il presente ed il futuro della vettura 88 hanno mostrato i colori blue e bianco, che hanno recentemente contraddistinto questa Chevrolet. Jimmie Johnson dal canto suo, con 83 vittorie su questa vettura,il veterano del team  e sette volte campione NASCAR è stato affiancato dall’ owner Rick Hendrick per svelare i colori della Chevrolet 48 nero opaco ed un giallo fluosforescente. Una livrea nuova targata Lowe.

Storia e passaggio di testimoni invece per le auto 24, celeberrima auto del team dal 1992 e la neo arrivata numero 9, in sostituzione della storica Chevrolet numero 5.

La vettura 24, la quale sarà guidata dal giovane William Byron si presenta con un tuffo nel passato legandosi ai colori di Jeff Gordon con colori accesi  giallo, rosso blu ed sfumatura a forma di fiamma. Colori che hanno constaddistinto la seconda parte della carriera di Gordon. Un auto che sarà sponsorizzata da Axalta. Al momento la vettura 24 conta solo con i 93 successi Gordon, ora  in mano Chase Elliott che la lascerà a fine stagione per salire su un sedile che ha caratterizzato la carriera  di suo padre Bill Elliott.

Infatti, Chase e Bill hanno hanno rivelato i colori della della Chevrolet numero 9 appartenuta a Bill Elliott dal 1976 al 1991 e dal 2001 al 2003 conquistando 38 dei suoi 44 successi in carriera. La nuova Camaro di Chase Elliott sarà sponsorizzata nuovamente da NAPA, il quale ha deciso di allungare il contratto con il pilota per i prossimi 5 anni. Una Chevrolet dai colori blu, giallo e bianco che la rappresenteranno nella prossima Daytona 500. Per la vettura numero 9, autrice di 53 successi vede oltre a Bill Elliott, Kasey Kahne con 11 vittorie e Marcos Ambrose con 2 vittorie su questa vettura appartenuta negli anni recenti, fino al 2014 a RPM (Richard Petty Motorsports). Il testimone passa così a Chase Elliott che ora ha la possibilità di vincere con due auto storiche.

Un gruppo di giovani piloti con grandi speranze per il futuro di Hendrick accompagnati dal leggendario veterano Jimmie Johnson a caccia del record dei record.

La nuova Chevolet Camaro sostituirà dal 2018 la SS attiva dal 2013 nella massima serie, ora che al momente, figura nella Xfinity, aprendo le porte ad una possibile concorrenza spietata con Ford che al momento ha in campo la Fusion e la Toyota con la Camry.

Addio Robert Yates: aveva 74 anni

Robert Yates ci ha lasciati. Uno dei baluardi di questo sport era affetto da un cancro al fegato  scoperto quasi improvvisamente, con il quale ha lottato fino all’ ultimo, ma Yates si è arreso nella giornata di ieri all’ età di 74 anni. Lascia il figlio Doug suo braccio destro nel corso della sua carriera che ha compiuto di recente 50 anni.

Ma quello che Yates ha fatto per la NASCAR è qualcosa di gigantesco e non verrà mai scordato dai team e dai fan di questo sport

Con una laurea in in Ingegneria Meccanica, Robert Yates si approccia alla NASCAR  con la Holman-Moody forza del motore Ford nel 1967. Sin da quel momento Tra Yates e la casa dell’ ovale blu nascerà un amore che la persona in questione metterà tutto il suo intelletto e gli sforzi per rendere questo motore il migliore della NASCAR. Tra il 1969 e il 1975 Yates si aggrega a Junior Johnson con il quale vincerà ben 30 gare come costruttore del motore Ford in NASCAR. Il successo e l’unica Daytona 500 di LeeRoy Yarbourgh sarà la prima delle 5 vittorie in questa rappresentazione.

Gli sforzi di Yates nell’ espandere ai team il motore Ford, oltre che a costruirlo porta Bobby Allison con il team DiGard a vincere il titolo nel 1983. Dopo 10 anni  finisce con Ranier-Lundy senza ottenere grossi risultati di rilievo.

Ma è la decisione di creare un suo stesso team denominato Yates Racing nel 1989, a dargli una certa importanza. L’ingaggio di Davey Allison produce 15 successi ed una Daytona 500 prima della morte prematura del pilota nel 1993. A quel punto Dale Jarrett diventerà il punto di riferimento del team sulla celeberrima auto 88, come sempre spinta dal motore Ford. Jarrett completerà 28 gare al primo posto delle 32 conquistate in carriera fino al 2005, annata della sua ultima vittoria a Talladega, finirà nel top five della generale per 6 anni consecutivi (1996-2001) ed infine, conquisterà nel 1999 il primo ed unico titolo nella storia del Yates Racing.  Tra gli altri piloti, Ricky Rudd, Elliott Sadler ed Ernie Irvan porteranno a casa delle singole vittorie. Un team che alla fine nel 2007, annata della sua chiusura otterrà 57 vittorie,269 top fives, 432 top ten (188 solo per Jarrett) in 1154 gare disputate.

Dopo il ritiro come team, il figlio Doug apre un’azienda che continuerà a dare il motore Ford nella massima serie NASCAR, insieme Jack Roush, altro personaggio calibro di questo sport.  Fonderanno il Roush-Yates Engines, tutt’ora attivo che in data odierna fornisce i motori a 7 team nella massima serie NASCAR.

Viene scelto per essere eletto nella Hall of Fame della classe 2018 nel maggio di quest’anno con Ken Squier, Ray Evernham, Red Byron  e Ron Hornaday. La  sua ultima apparizione in pubblico avvenne poco prima della gara di Darlington durante la presentazione della livrea throwback di Danica Patrick in suo onore ricordando Dale Jarrett.

Yates lascia dietro di sè una storia colossale in cui i suoi sforzi hanno prodotto tutti questi successi collettivi e personali a cui non resta che dire Grazie di tutto Robert, Riposa in pace.