Hooters sarà sponsor affiancato e primario con Chase Elliott

Da Concord giunge la notizia dell’ accordo raggiunto tra la catena di ristoranti Hooters e Chase Elliott, sponsorizzando il pilota e la sua Chevrolet 24 per due gare nel 2017.

Il pilota in forza all’ Hendrick Motorsport ha già con sè NAPA, 3M e Mountain Dew a tingere i colori della sua auto. Ora Hooters rientra in NASCAR dopo 25 anni e la sporadica presenza nella gara di Darlington 2016 con Greg Biffle nel Throwback Day Race.

La fama di Hooters la si deve ad Alan Kulwicki il quale su sponsorizzato per un intera stagione nel 1992, annata in cui vinse il suo unico titolo NASCAR davanti al padre di Chase Elliott, Bill che conquistò il titolo NASCAR nel 1988.  Kulwicki somparse prematuramente in un incidente aereo nell’ Aprile  del 1993 e Hooters lascià la NASCAR dopo 150 gare sponsorizzate.

Il rientro della catena di ristorazione nella NASCAR vedrà lo sponsor sulla Chevrolet 24 di Elliott. il 7 Maggio a Talladega Super Speedway e a Phoenix il 12 di Novembre. Una catena presente in 42 stati e 28 paesi dal 1983.

“Hooters è un posto dove posso abbassare la guardia e stare bene” ha detto Chase Elliott “ho il loro supporto in questo team e non vedo l’ora di salire in macchina. Essere a pian terreno con uno sponsor nuovo per questo team sarà divertente. Hooters ha una storia all’ interno di questo sport e sono contento che sia tornato” ha chiuso il pilota della Chevrolet 24.

Uno sponsor che in un modo o nell’ altro farà parlare di sè.

Questo articolo è stato pubblicato in News e contrassegnato come , , da Davide Sarti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Davide Sarti

Mi chiamo Davide Sarti, laureato in Scienze della Comunicazione e seguito un corso gionalistico a Londra, sono a tutti gli effetti un grande appassionato della Nascar che sin dai tempi di Jeff Gordon ha seguito le orme dei vari campioni quali Jimmie Johnson e Tony Stewart. Cercherò di mostrarvi, raccontarvi tutto quello che si può sapere di questa categoria facendovi amare, possibilmente un mondo che sterza solo a sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *