Johnson secondo i numeri parallelamente a Petty ed Earnhardt

https://i1.wp.com/images.performgroup.com/di/library/sporting_news/a3/a4/jimmy-johnson-111713-nascar-ftrjpg_1k9kc7phe2fjq100uf96dio7sx.jpg?resize=584%2C334

Jimmie Johnson è forse il pilota che ha gestito al meglio le sue opportunità nel corso della sua immensa carriera scattata 16 anni a Charlotte, precisamente nell’ autunno del 2001 a bordo della Chevrolet 48, monoposto tutt’ora usata dal campione californiano.

Con sei titoli all’ attivo, Jimmie Johnson ha la possibilità questa domenica di eguagliare  i due più grandi piloti della NASCAR capaci nel corso della loro longeva carriera di conquistare 7 titoli a testa: stiamo parlando di Richard “The King” Petty e Dale “The Intimidator” Earnhardt Sr.

Ora, in parallelo tenendo conto delle decadi in cui i tre piloti hanno gareggiato andremo a scovarne le differenze.

Le  190 vittorie di Richard Petty  conquistate fino al 1979 saranno molto probabilmente inarrivabili sia per Johnson che per altri piloti a seguire: un numero esorbitante di gare, se si considera che Johnson ne ha conquistate 79 e  63 sono quelle ottenute da Earnhardt quando conquistò il settimo titolo nel 1994. Petty avrebbe poi chiuso con 200 successi totali prima del ritiro nel 1992.  Earnhardt dal canto suo fino alla sua scomparsa avrebbe poi raggiunto quota 76, cifra già superata da Johnson, il quale eventualmente per conquistare il suo settimo titolo potrebbe domenica agguantare gli 80 successi in un ovale che non ha mai vinto in questi 16 anni di carriera.

Altra differenza è la caterva di anni e di gare fatte in carriera, se Johnson a 40 anni ne ha fatte “solo” 542, Petty ne avrebbe toccate quasi 1200 prima del ritiro ed Earhnardt 676 a 50 anni dopo la Daytona 500 del 2001. Da considerare però che Petty è rimasto attivo per ben 35 anni dal 1958; Earnhardt 27 anni dal 1975. Ad ogni modo entrambi hanno vinto il settimo titolo dopo almeno 16  stagioni complete: Petty ci impiegò 20 anni. Qualora Johnson vincesse supererebbe “The  Intimidator” in questa classifica, essendo lui nella sua 15° stagione full time.

I numeri di Petty per quanto si voglia eccedere sono leggermente peggiori in percentuale  sia di Earnhardt che di Johnson: Johnson in 542 gare ha “asfaltato” 217 Top 5, 329 Top Ten e 79 successi, che lo pone al sesto maggior vincitore NASCAR.

Un’ opportunità per Jonnson storica che vista la sete di vittorie , non potrà lasciare andare, sopratutto dopo aver fallito nel 2014 e nel 2015, quando nel 2013 conquistà il suo sesto titolo a distanza di due anni, e fallire sarebbe rimandare e incrementare il gap tra un titolo e l’altro: al momento ha 6 titolo in 10 anni.

Qualunque cosa succeda Johnson è tra i grandi della categoria ed in ogmi modo lo sarà per sempre.

Questo articolo è stato pubblicato in News e contrassegnato come da Davide Sarti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Davide Sarti

Mi chiamo Davide Sarti, laureato in Scienze della Comunicazione e seguito un corso gionalistico a Londra, sono a tutti gli effetti un grande appassionato della Nascar che sin dai tempi di Jeff Gordon ha seguito le orme dei vari campioni quali Jimmie Johnson e Tony Stewart. Cercherò di mostrarvi, raccontarvi tutto quello che si può sapere di questa categoria facendovi amare, possibilmente un mondo che sterza solo a sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *