Matt Kenseth lascia NASCAR a fine stagione

Il veteranissimo Matt Kenseth, 45 anni ha deciso di prendere una pausa dalla NASCAR scendendo definitivamente dalla Toyota numero 20 del Joe Gibbs Racing a fine stagione, a favore del giovane Erik Jones. Il fatto che non abbia trovato un volante disponibile per il 2018, pone l’esperto pilota, vincitore del campionato 2003 con la  forte possibililità di un ritiro ufficiale dalle corse.

Al contrario di Earnhardt Jr, che sta completando il suo “farewell tour” con tutti gli onori del caso, Kenseth se ne va nel silenzio, come forse non avrebbe mai voluto. Un pò come Biffle, suo ex compagno di team con Jack Roush.

Non avendo trovato un posto libero per la stagione prossimo con la speranza svanita di terminare con Hendrick, il quale ha scelto un numero di giovani rampanti al suo posto, Kenseth si prende una pausa che può durare un mese oppure due mesi, o addirittura per sempre.

Matt Kenseth figura come uno dei migliori piloti degli ultimi anni, nel quale ha racimolato importanti risultati. 1 campionato NASCAR (2003), 38 vittorie, 180 top 5, 325 top ten,11.689 giri compiuti in testa ,18 poles positions e 648 gare disputate ( il maggior numero tra tutti i piloti attivi) in 18 stagioni nella massima serie. Gli restano due gare Phoenix e Miami per completare tutte le statistiche aggiornate della sua magistrale carriera.

Un Kenseth, che ha perso la speranza della conquista del secondo titolo in Kansas qualche settimana fa causa un errore del suo pit crew che lo hanno portato alla squalifica dalla gara e dai playoff. Un risultato che ha forse sancito la fine della sua carriera.

Qualora non dovesse tornare, Kenseth oltre alla sua stratosferica quantità di eccelsi risultati verrà anche ricordato per il celeberrimo confronto con Brad Keselowski nel 2014 in diretta tv.

Di seguito il video completo.

Questo articolo è stato pubblicato in News e contrassegnato come da Davide Sarti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Davide Sarti

Mi chiamo Davide Sarti, laureato in Scienze della Comunicazione e seguito un corso gionalistico a Londra, sono a tutti gli effetti un grande appassionato della Nascar che sin dai tempi di Jeff Gordon ha seguito le orme dei vari campioni quali Jimmie Johnson e Tony Stewart. Cercherò di mostrarvi, raccontarvi tutto quello che si può sapere di questa categoria facendovi amare, possibilmente un mondo che sterza solo a sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *