Hendrick Motorsports svela le livree del 2018

Per la prima volta nella sua storica carriera più vittorioso della NASCAR, quello di Rick Hendrick  ha svelato nella notte italiana le livree delle quattro nuove Chevrolet Camaro che scatteranno nella Daytona 500 2018.

Le auto sono state presentate dai piloti accompagnati da personaggi leggendari di questo sport. Alex Bowman affiancato a Dale Earnhardt Jr ha svelato la Camaro 88 targata Nationwide. Il presente ed il futuro della vettura 88 hanno mostrato i colori blue e bianco, che hanno recentemente contraddistinto questa Chevrolet. Jimmie Johnson dal canto suo, con 83 vittorie su questa vettura,il veterano del team  e sette volte campione NASCAR è stato affiancato dall’ owner Rick Hendrick per svelare i colori della Chevrolet 48 nero opaco ed un giallo fluosforescente. Una livrea nuova targata Lowe.

Storia e passaggio di testimoni invece per le auto 24, celeberrima auto del team dal 1992 e la neo arrivata numero 9, in sostituzione della storica Chevrolet numero 5.

La vettura 24, la quale sarà guidata dal giovane William Byron si presenta con un tuffo nel passato legandosi ai colori di Jeff Gordon con colori accesi  giallo, rosso blu ed sfumatura a forma di fiamma. Colori che hanno constaddistinto la seconda parte della carriera di Gordon. Un auto che sarà sponsorizzata da Axalta. Al momento la vettura 24 conta solo con i 93 successi Gordon, ora  in mano Chase Elliott che la lascerà a fine stagione per salire su un sedile che ha caratterizzato la carriera  di suo padre Bill Elliott.

Infatti, Chase e Bill hanno hanno rivelato i colori della della Chevrolet numero 9 appartenuta a Bill Elliott dal 1976 al 1991 e dal 2001 al 2003 conquistando 38 dei suoi 44 successi in carriera. La nuova Camaro di Chase Elliott sarà sponsorizzata nuovamente da NAPA, il quale ha deciso di allungare il contratto con il pilota per i prossimi 5 anni. Una Chevrolet dai colori blu, giallo e bianco che la rappresenteranno nella prossima Daytona 500. Per la vettura numero 9, autrice di 53 successi vede oltre a Bill Elliott, Kasey Kahne con 11 vittorie e Marcos Ambrose con 2 vittorie su questa vettura appartenuta negli anni recenti, fino al 2014 a RPM (Richard Petty Motorsports). Il testimone passa così a Chase Elliott che ora ha la possibilità di vincere con due auto storiche.

Un gruppo di giovani piloti con grandi speranze per il futuro di Hendrick accompagnati dal leggendario veterano Jimmie Johnson a caccia del record dei record.

La nuova Chevolet Camaro sostituirà dal 2018 la SS attiva dal 2013 nella massima serie, ora che al momente, figura nella Xfinity, aprendo le porte ad una possibile concorrenza spietata con Ford che al momento ha in campo la Fusion e la Toyota con la Camry.

Hendrick resta con quattro auto nel 2018

Per Rick Hendrick il personaggio con più successi nella NASCAR, l’anno odierno è uno dei più difficili e pieno dei cambiamenti.

Dopo aver confermato l’arrivo nel 2018 di Bowman in sostituzione a Dale Earnhardt Jr le scorse settimane, il quale si ritirerà dalle corse a fine anno si ritrova con due giovani a fare da scudieri a Jimmie Johnson, il veterano per eccellenza del team.

A fine  2015 Gordon appese il volante al chiodo passando il testimone a Chase Elliott, nonostante, abbia poi sostituito l’infortunato Earnhardt jr nel 2016.

Sia Elliott che Johnson hanno recentemente rinnovato i loro contratti fino al 2022 e il 2020 rispettivamente, ormai punti fissi per i prossimi anni. Elliott  è ancora a caccia del primo successo in carriera, mentre Johnson rincorrerà l’ottavo titolo nella massima serie. L’aggiunta di Bowman sulla Chevrolet 88 chiude un’ altro tassello nel futuro dell’ Hendrick Motorsports.

La conferma da parte di Hendrick nel voler rimanere con quattro vetture in campionato sigilla la storica auto numero 5  con quale fece partire la leggenda nel 1984, mette  però ancora in dubbio la presenza di Kahne su quel volante.  La vittoria di Indianapolis dovrebbe cancellare quanto detto da Kahne negli ultimi anni, in scadenza di contratto nel 2018. Tuttavia il pilota di Enumclaw rimane sottotono rispetto ai suoi compagni di squadra con risultati scarsissimi, una media finale di gara di 19.29 e con solo 4 top ten in 21 gare stagionali.

L’unico inghippo da risolvere per Hendrick è questo e tutto dipenderà da come Kahne si comporterà da qui a fine stagione, incluso nella sua presenza nei playoff, che al momento lo pone come un contendente per il titolo.

rick-hendrick-gi-ftrjpg_1wyq95zgwahz317n7mfd8n60xl

Johnson: “Bowman sarebbe perfetto per sostituire Earnhardt Jr”

Il veterano dell’ Hendrick Motorsports, nonché il 7 volte campione NASCAR Jimmie Johnson non sa con certezza chi sarà il prossimo pilota a bordo della Chevrolet 88, vettura guidata da Earnhardt Jr sin dal suo arrivo nel team dal 2008, dopo che Robert Yates la trasferi all Hendrick Motorsports il 14 settembre 2007.

Un’ auto storica di spicco negli ultimi 20 anni, guidata fino al  2006 dal grande Dale Jarrett capace di vincere 28 delle sue 32 vittorie a bordo dell’ allora Ford 88. In totale la vettura ha partecipato 1617 gare delle quali ci sono 74 vittorie, 388 top 5s e 669 top 10s dal 1949 (primo pilota a salirci fu un certo Pepper Cunningham), e conobbe il Victory Lane solo nel 1954 con Buck Baker.

Johnson

Per Johnson saranno gli sponsor a sancire il futuro di questa vettura, che al momento vede 3 piloti possibili. Alex Bowman, ebbe l’opportunità di sostituire Earnhardt jr le ultime 10 gare del 2016 racimolando tre top ten nella sua strada verso Miami. Figura poi William Byron giovane rampante pilota della Xfinity Series, al momento in forza al Jr Motorsports e leader del campionato odierno con due successi. Infine, Matt Kenseth, pilota espertissimo alla sua 18° stagione appiedato al termine di quest’anno in cui lascerà la vettura numero 20 del Joe Gibbs Racing, a favore di Erik Jones. Kenseth potrebbe tornare utile per un anno di contratto, nell’ attesa del salto di qualità di William Byron.

“Stiamo mettendo un certo peso su Bowman che ha dimostrato di essere all’ altezza in certe situazioni”. Infatti, Johnson crede fermamente che il pilota dell’ Arizona sarà pronto per passare a Full time nel 2018. “Le sue prestazioni mi fecero impressione, Ha vinto la pole a Phoenix ed è rimasto nell’ avanguardia del gruppo a lottare con i migliori”.  L’ottimismo di Johnson conferma quindi le opinioni di Earnhardt Jr fortemente deciso a scommettere su Bowman. ” Conosce il nostro team, è un ottimo compagno di squadra” ha esordito Johnson.

Vero è che la notizia poco sorprendente dell’ addio di Kenseth al Gibbs Racing, ha dato ha Hendrick la possibilità di tenerlo in considerazione. Johnson, infatti conferma le voci degli ultimi giorni: ” Sono alcune settimane che parliamo del futuro del team ( Kahne potrebbe andarsene, mentre Johnson ed Elliott hanno rifirmato fino al 2020 mentre Elliott sarà della stessa compagnia fino al 2022). Certamente la disponibilità di Kenseth è da tenere in considerazione. Non ho parlato con Hendrick nelle ultime settimane a riguardo, ma gli sponsor detteranno chi salirà su quella vettura”.

Byron, ha dato filo da torcere a Hamlin in Michigan nella Xfinity Series a soli 19 anni e dimostra già di avere un talento esplosivo degno di essere un possibile erede di Johnson. Bowman invece, a 24 è ancora in attesa di un volante full time ma chi decide è Rick Hendrick.

Al momento, Hendrick non ha risposto definitivamente a tali domande dichiarando che non c’è fretta per non nominare un rimpiazzo.

Dale Earnhardt Jr rientrerà nella Daytona 500 nel 2017

Dopo un lungo periodo di recupero, esami e duro lavoro, Dale Earnhardt Jr ha avuto il via libera dai medici per tornare alle gare. Eletto per la 14° volta come pilota più popolare della serie Earnhardt Jr rientrerà allae corse nel 2017, in occasione della Daytona 500 il prossimo 26 di Febbraio.

Earnhardt Jr non ha preso parte al  campionato NASCAR 2016 a partire dalla 19° gara  per essere prontamente sostituito dal giovane Alex Bowman e da Jeff Gordon rientrato dal suo ritiro come pilota Full-Time. Ad ogni modo Earnhardt salterà il Clash del 18 di Febbraio, nel quale sarà nuovamente sostituto da Bowman a bordo della Chevrolet 88.

Il pilota ha avuto modo di rilasciare un comunicato che riguarda il suo stato attuale: “Mi sento bene e non vedo l’ora di ricominciare, speravo che le cose andassero bene ieri e così è stato. Attualmente salire in macchina è l’ultimo passo e mi dà una grande fiducia per il 2017” Poi coglie l’occasione per ringraziare Alex Bowman.” Alex ha fatto un ottimo lavoro pensando che avrebbe bisogno di un’ ulteriore opportunità. Ho parlato con Rick Hendrick e siamo in comune accordo per lasciare a Alex Bowman il volante per il Clash prima della Daytona 500. Sono contento che possa avere un’ ulteriore opportunità”.

Earnhardt Jr ha avuto a disposizione l’ovale di Darlington ove ha completato 185  sotto gli occhi del team, a conferma di uno status  ottimale per le gare. https://i2.wp.com/s3.amazonaws.com/hendrickmotorsports.com/uploads/production/_1200x1000_fit_center-center_95/16LAS1nk02687.jpg?resize=551%2C370

 

Dale Earnhardt Jr appende il il volante al chiodo fino a fine stagione

E’ ufficiale: Dale Earnhardt Jr non  gareggerà più per le restanti gare del campionato Sprint Cup 2016. Nella giornata di venerdì l’Hendrick Motorsports  ha annunciato che il pilota, che ha perso le ultime sei gare, non rientrerà prima di fine stagione.https://i2.wp.com/a.abcnews.com/images/US/GTY_Dale_Earnhardt_jrl_160407_4x3_992.jpg?resize=584%2C438

Earnhardt Jr sarà rimpiazzato da Jeff Gordon e Bowman sulla momoposto numero 88 per un totale di 12 gare. Due del campionato regolare e tutto il Chase for the Cup.

Nella news rilasciata dal team di Rick Hendrick viene comunicato che Dale Earnhardt Jr non ha dato un esito positivo ai medici per tornare a sul sedile della sua Chevrolet e continua a lavorare per recuperare lo stato di forma colpito dalla commozione cerebrale.

Commozione giunta a giugno in Michigan ed accentuatasi  poi la settimana dopo a Daytona, curiosamente nei due ovali preferiti del pilota, rimasto coinvolto in due incidenti. Da quel momento Earnhardt Jr è sceso dalla sua auto e seguito subito all’ Università di Pittsburgh, in un dipartimento specializzato in questo tipo di casi  per  curare la commozione cerebrale subita.

Jeff Gordon e Alex  Bowman hanno così avuto via libera per coprire il vuoto lasciato da Earnhardt nelle successive sei gare del campionato.

Ad ogni modo Dale Earnhardt Jr ha annunciato che non si ritirerà e spera di tornare nel 2017 per la Daytona 500, quando i medici gli daranno via libera. “Speravo di rientrare questa stagione. Dire che sono rammaricato non è la parola giusta per descrivere come mi sento. Ma so che questa è la cosa giusta per questo lungo periodo di recupero e per la mia carriera ” ha detto Earnhardt Jr.  “Sono al 100% concentrato sulla mia salute e continuerò a fare tutto ciò che i dottori mi diranno. Vedono dei progressi nei risultati dei test e sento questo progresso anche fisicamente.”

A questo punto sia il quattro volte campione Nascar ritiratosi l’anno scorso, Jeff Gordon e Alex Bowman continueranno fino alla fine a dividersi le gare rimanenti per tenere l’auto 88 in gara. Gordon avrà così la possibilità di difendere il successo ottenuto a Martinsville nel 2015, quella che finora è la 93° e l’ultima vittoria della sua carriera.Rick Hendrick ha già anche annunciato quali gare i due piloti correranno rispettivamente, riportate qui sotto.

Sett. 4, Darlington Raceway — Jeff Gordon
Sett. 10, Richmond International Raceway — Jeff Gordon
Sett. 18, Chicagoland Speedway — Alex Bowman
Sett. 25, New Hampshire Motor Speedway — Alex Bowman
Ott. 2, Dover International Speedway — Jeff Gordon
Ott. 8, Charlotte Motor Speedway — Alex Bowman
Ott. 16, Kansas Speedway — Alex Bowman
Ott. 23, Talladega Superspeedway — Alex Bowman
Ott. 30, Martinsville Speedway — Jeff Gordon
Nov. 6, Texas Motor Speedway — Alex Bowman
Nov. 13, Phoenix International Raceway — Alex Bowman
Nov. 20, Homestead-Miami Speedway — Alex Bowman

 

Dale Earnhardt Jr salterà la gara in New Hampshire

original

Sorprendentemente Dale Earnhardt Jr, pilota in forza all’ Hendrick Motorsport non parteciperà alla gara sul magico miglio d Loudon questa domenica a causa di possibili sintomi di una commozione cerebrale.

La conferma di questo stop stato diramato su twitter ieri sera mette fuori giochi il figlio del grande Dale Earhnardt Sr, in lotta per una posizione nel Chase. Earnhardt Jr è attualmente 13° nella generale, senza vittoria quando restano 8 gare gare per l’inizio del Chase For Sprint Cup Series.

Bisogna essere nei primi sedici  entro la gara di Richmond  che si svolgerà nei primi giorni di settembre per poter partecipare ai playoff, ma soprattutto bisogna ottenere la vittoria per garantirsi il pass assicurato.

“Sono molto deluso nel non potere correre in New Hampshire questo weekend. Dovrò sottopormi ad un trattamento con l’obiettivo di tornare nella mia vettura il più presto possibile, ovviamente anche quando i dottori mi daranno il via libera,” ha dichiarato Earnhardt Jr.

Non è la prima volta che è costretto ad abbandonare le gare per problemI fisici: accadde nel Chase del 2012 in Kansas, in una gara vinta dal cuo compagno di squadra Jimmmie Johnson, peggiorando la situazione nella successiva gara a Talladega dove rimase convolto nel maxi incidente di gara.

Infine Alex Bowman rimpiazzerà il pilota di Kannapolis per il New Hampshire 301.