Gli Ovali della NASCAR: Las Vegas Motor Speedway

Uno dei pochi ovali dell’ Ovest situato in mezzo al deserto del Nevada ma non lontano da Las Vegas. Nonostante sia entrato nel calendario NASCAR solo nel 1998, il Las Vegas Motor Speedway cominciò a prendere piede già nel 1972 con un tracciato tipo Road Course e Drag Racing. Ma nel corso del successivo ventennio, il tracciato della città del gioco d’ azzardo cominciò a trasformarsi in un ovale. Nel 1985 divenne un piccolo ovale, poi soltanto nel 1996 venne allargato in un discreto ovale da 1.5 miglia come la maggioranza dei tracciati presenti nel calendario.

Una lunghezza usata in tempi odierni seppur, nel 2006 venne riconfigurato con un banking pari a 12°-20 °.

1470869545-LVMS_aerials_289_of_1244_sm

L’inaugurazione nel marzo del 1998 vide Mark Martin aggiudicarsi la prova con oltre 80 giri in testa dando la prima vittoria alla neo arrivata Ford Taurus. Fino al 2000 l’ovale fu terra di conquista per i Fordisti con Jeff Burton a fare back-to-back nel 1999 e 2000. Sarà invece Chevrolet a prenderne le redini nel 2001 con Jeff Gordon, il quale ottenne la prima ed unica vittoria su questo ovale.Il 2002 fu la volta di Dodge con lo strepitoso 1-2 di Sterling Marling e Jeremy Mayfield.  Kenseth(2) e Johnson(3) invece si spartiranno le cinque edizioni successive. Data da segnalare è il 9 Marzo 2008, in cui Kyle Busch ha regalato a Toyota il primo successo di sempre per la casa nipponica.

Tra gli ulteriori vincitori nei tempi recenti ci sono anche Tony Stewart, Kevin Harvick, Carl Edwards e Brad Keselowski.

Johnson detiene il maggior numero di vittorie con quattro sigilli ed il maggior numero di top fives ( eguagliato da Gordon, Kenseth e Martin) pari a 6. Il maggior numero di partenze è 18  (Gordon, Kenseth e Earnhardt Jr), le pole sono a Kahne con 3, mentre Gordon detiene il numero di giri completati 4551 e Kenseth il maggior numero di giri in testa ben 516.

Lasciando i numeri, c’è da dire che il Las Vegas Motor Speedway ha avuto finora una sola data annuale( a Marzo) nel calendario NASCAR, ma recentemente i corpi alti della serie hanno preso la decisione di farne una seconda data ufficiale oltre alla sopracitata. Avrà una gara in sede playoff nel 2018 aprendo le danze di questo ormai celeberrimo format, attivo dal 2004

Gli ovali della NASCAR: Homestead-Miami

https://i2.wp.com/i.ytimg.com/vi/-APh9Ofdqjc/maxresdefault.jpg?w=584&ssl=1

L’ovale di Homestead-Miami è come quello dell’ Auto Club in California una struttura recente, il cui primo pezzo fu messo nel 1993, un anno dopo il passaggio dell’ uragano Andrews il più devastante nella storia degli Stati Uniti.

Si impiegarono due anni a costruirlo ed ufficialmente aprì nel novembre 1995, quando allora La formula CART ebbe l’onore di assaggiare il nuovo ovale seppur la gara si svolse poi nel 1996, seguita per quel che concerne le ruote coperte dalla attuale Xfinity Series, dove a vincere per primo fu un noto Dale Jarrett.

Si tratta di un ovale di un miglio e mezzo con una pendenza progrssiva tra i 18° e 20°  nelle curve alle quali segue un fievole 3° nei due rettilienei.  Homestead-Miami ha anche la possibilità di avere altri due tipi di layout con un totale 11 curve.

E’ un ovale che  con il tempo ha preso notorietà per essere l’ultima gara di stagione in svariate serie, tra cui Indycar, NASCAR e Rolex-AM, seppur nella prima serie citata faceca parte anche del season opening, dove Paul Dana perse la vita nel 2006. Prima di di lui  John Nemechek e Jeff Clinton caddero in quella trappola mortale, ma è da Dana che a in questo ovale non si registrano queste fatalità.

In NASCAR, almeno per quel che concerne la massima serie, si presentò nel calendario solo nel 1999, anno del debutto di Tony Stewart capace di conquistare il successo in quell’ annata. Da considerare che da sempre fino ad ora, la gara su questo ovale si è svolta a Novembre e dal 2002, chiude la stagione della massima serie NASCAR.

Tra i maggiori vincitori troviamo per l’appunto Tony Stewart che si ripetè nel 2000 e nel 2011, anno del suo ultimo titolo in carriera e sorprendentemente Greg Biffle, autore di un Threepeat dal 2004 al 2006. Da segnalare la sua vittoria nel 2005 la prima con in notturna, nel quale battè di un soffio Mark Martin rinvenuto alle sue spalle per conquistare la vittoria.

Altri vincitori di spicco sono Bobby Labonte nel 2003, che qui registrò la sua 21° vittoria ed ultima della sua carriera, Jeff Gordon nel 2012 conquistò l’unico successo su questo ovale, Carl Edwards nel 2008 e nel 2010 e negli ultimi tre anni Kevin Harvick, Kyle Busch e Jimmie Johnson, grazie al quale conquistarono il titolo NASCAR delle rispettive annate dal 2014 al 2016.

E’ un ovale che per la NASCAR perterà almeno finchè rimarrà come ultima gara del calendario, grandi emozioni, pianti e tensione sia tra piloti che tra appasionati e Homestead-Miami continuerà a farlo perchè è così che ha sempre fatto: essere la gara decisiva del campionato.

 

Pocono Raceway promises guarantee next year

https://airpocono.files.wordpress.com/2015/06/2010-pocono-raceway-aerial-background.png?w=584

In recent years the huge Tri-Oval of Pocono Raceway, close to Long Pond, Pennsylvania has been tormented by several rainouts which brought disappointment throughout the fans.

The track actually hosts two races per year since 1982 and most of them in these years had been postponed by several hours or shorthened race. Just to name few, This year Chris Buescher has won after 138 laps out of 160 due to Rain, Jeff Gordon won in 2012 after raced only 98 laps due to rainstorms which killed one fan and injuried nine. Most of the times when the main Series comes to this track races are under cloudy weather, which never brings too much hope to complete the predicted 400 miles or 160 laps, in this amazing Tri-Oval.

Pocono Raceway boss said that those fan who purchase a ticket for any of those two races when NASCAR comes will be reimbursed the value of the ticket.As well Grand Stand seats and Pit  passes go through the same procedure.

The program called Worry-Free Guarantee provides a reibursement even if the race is postponed to next days due to rain and if the fan cannot make it for some personal reason he/she will get the money back within 1 or 2 months after the races.

For the next season the Sprint Cup Races are scheduled on June 7 and July 27, considering that this year both races have been postpone to Moday due to the huge rainstorms which hitted the track.

 

Jeff Gordon torna sul sedile a Martinsville

Il leggendario Jeff Gordon torna a rappresentare l’Hendrick Motorsports per l’ennesima volta su uno degli ovali che lo hanno contraddistinto nel corso della sua memorabile carriera.https://i2.wp.com/gmauthority.com/blog/wp-content/uploads/2015/11/Jeff-Gordon-Martinsville-Win-2015-700x340.jpg?resize=584%2C284

Con le sue 804 partenze all’ attivo tutte su Chevrolet e spartite su due vetture, siglerà l’ultima presenza stagionale e forse della sua carriera, sul Martinsville Speedway. Un ovale di 800 metri (0,52 miglia), quasi piatto in cui la sensibilità di frenata e accelerazione sono la chiave del successo.

Sono 46 le partenze in carriera sul “The Paper Clip”; Jeff Gordon conta con 9 successi, 29 top 5’s e ben 37 top ten in carriera ( il massimo nella storia a pari merito con Richard Petty). Numeri stratosferici degni di un posto tra i grandi; l’unico tra i piloti attivi che può ambire alle sue statistiche è Jimmie Johnson, 8 successi 18 top fives e 23 top ten in 29 gare disputate.

Ad ogni modo Gordon giunge a questa gara forte del decimo posto a Dover lo scorso Settembre, una rampa di lancio per difendere l’immensa vittoria ottenuta a Novembre del 2015 proprio a Martinsville su Jamie McMurray. Fu l’unico succeso dalla sua ultima stagione full time, il 93° della carriera ( siede al terzo posto tra i plurivincitori NASCAR dietro a David “Silver Fox” Pearson  con 105 successi e all’ inarrivabile RIchard Petty con ben 200 vittorie in carriera).

Un Gordon che rispetto allo scorso anno non avrà la tensione della conquista del titolo, essendo a Martinsville per sostituire il suo amico e compagno di team Dale Earnhardt Jr fuori dalle gare sin da Giugno per commozione cerebrale. Quindi, l’eroe di Pittsboro, Indiana nativo di Vallejo, California  a 46 anni suonati potrebbe ancora sorprendere un ultima volta su un ovale che conosce ad occhi chiusi e che negli ultimi anni ha continuato ad esprimersi al massimo con tre top 10 nelle ultime tre visite.https://i0.wp.com/jeffgordon.com/wp-content/uploads/15RIC2MT1852.jpg?w=584

Vittoria o meno la prossima domenica, Jeff Gordon sa benissimo di avere due ennesimi appuntamenti con la storia: il primo, superare Cale Yarborough nella statistica di maggior numero di giri in testa di sempre sul Martinsville Speedway. Yarborough è a quota 3851 giri, Gordon a 3776; ad occhio e croce dista soli 75 giri e la gara sarà di 500 giri previsti. Il secondo è agguantare Richard Petty per il maggior numero di top 5 in carriera: 30 per Petty, 29 per Gordon.

Ci si attende l’ennesima zampata di ” The Rainbow Warrior”, aspettate domenica e lo saprete.

Dale Earnhardt Jr appende il il volante al chiodo fino a fine stagione

E’ ufficiale: Dale Earnhardt Jr non  gareggerà più per le restanti gare del campionato Sprint Cup 2016. Nella giornata di venerdì l’Hendrick Motorsports  ha annunciato che il pilota, che ha perso le ultime sei gare, non rientrerà prima di fine stagione.https://i2.wp.com/a.abcnews.com/images/US/GTY_Dale_Earnhardt_jrl_160407_4x3_992.jpg?resize=584%2C438

Earnhardt Jr sarà rimpiazzato da Jeff Gordon e Bowman sulla momoposto numero 88 per un totale di 12 gare. Due del campionato regolare e tutto il Chase for the Cup.

Nella news rilasciata dal team di Rick Hendrick viene comunicato che Dale Earnhardt Jr non ha dato un esito positivo ai medici per tornare a sul sedile della sua Chevrolet e continua a lavorare per recuperare lo stato di forma colpito dalla commozione cerebrale.

Commozione giunta a giugno in Michigan ed accentuatasi  poi la settimana dopo a Daytona, curiosamente nei due ovali preferiti del pilota, rimasto coinvolto in due incidenti. Da quel momento Earnhardt Jr è sceso dalla sua auto e seguito subito all’ Università di Pittsburgh, in un dipartimento specializzato in questo tipo di casi  per  curare la commozione cerebrale subita.

Jeff Gordon e Alex  Bowman hanno così avuto via libera per coprire il vuoto lasciato da Earnhardt nelle successive sei gare del campionato.

Ad ogni modo Dale Earnhardt Jr ha annunciato che non si ritirerà e spera di tornare nel 2017 per la Daytona 500, quando i medici gli daranno via libera. “Speravo di rientrare questa stagione. Dire che sono rammaricato non è la parola giusta per descrivere come mi sento. Ma so che questa è la cosa giusta per questo lungo periodo di recupero e per la mia carriera ” ha detto Earnhardt Jr.  “Sono al 100% concentrato sulla mia salute e continuerò a fare tutto ciò che i dottori mi diranno. Vedono dei progressi nei risultati dei test e sento questo progresso anche fisicamente.”

A questo punto sia il quattro volte campione Nascar ritiratosi l’anno scorso, Jeff Gordon e Alex Bowman continueranno fino alla fine a dividersi le gare rimanenti per tenere l’auto 88 in gara. Gordon avrà così la possibilità di difendere il successo ottenuto a Martinsville nel 2015, quella che finora è la 93° e l’ultima vittoria della sua carriera.Rick Hendrick ha già anche annunciato quali gare i due piloti correranno rispettivamente, riportate qui sotto.

Sett. 4, Darlington Raceway — Jeff Gordon
Sett. 10, Richmond International Raceway — Jeff Gordon
Sett. 18, Chicagoland Speedway — Alex Bowman
Sett. 25, New Hampshire Motor Speedway — Alex Bowman
Ott. 2, Dover International Speedway — Jeff Gordon
Ott. 8, Charlotte Motor Speedway — Alex Bowman
Ott. 16, Kansas Speedway — Alex Bowman
Ott. 23, Talladega Superspeedway — Alex Bowman
Ott. 30, Martinsville Speedway — Jeff Gordon
Nov. 6, Texas Motor Speedway — Alex Bowman
Nov. 13, Phoenix International Raceway — Alex Bowman
Nov. 20, Homestead-Miami Speedway — Alex Bowman

 

Dale Earnhardt Jr non ancora pronto per il rientro

Per Dale Earnhardt Jr il Chase si allontana. Ieri è stata rilasciato dal pilota un aggiornamento sulle sue condizioni di salute dopo essere stato colpito dalla commozione a Michigan e Daytona nel mese scorso.

” I sintomi sono strani. Ci sono giorni in cui mi sento bene ed in altri sto malissimo” questo il commento rilasciato dal pilota sulla sua situazione, che nonostante  tutto ha avuto esisti confortanti nella sua visita all’ ospedale di Pittsburgh. ” Sono contento di dire che che ho avuto una buona notizia dai medici. Sono positivi riguardo il progresso del mio status.

Anche se le parole di Earnhardt Jr rincuorano i fan ed il mondo Nascar, il pilota salterà anche le gare di Watkins Glen e Bristol, lasciando a Gordon ancora due gare sulla Chevrolet 88.

Avere una pausa tra il Glen e Bristol dovuto alle Olimpiadi sarà di aiuto ad Earnhardt che a questo punto potrebbe rientrare nell’ amato ovale del Michigan a tre gare dal Chase.

Gordon ha 4 successi nel Glen in 23 partenze, sono 5 le vittorie a Bristol in 46 presenze.