Daytona e Watkins Glen annunciano la lunghezza dei segmenti in gara

Dopo il Pocono Raceway che annunciò il suo format di gara sul profilo Twitter il 23 di gennaio, (40,40 e 80 giri) per completare le 400 miglia in entrambe le gare stagionali, sono Daytona e Watkins Glen a rilasciare la suddivisione dei giri nei tre segmenti sanciti da NASCAR qualche settimana fa.

La Daytona 500, la prima gara dell’ anno il prossimo 26 di febbraio sarà costituita da due segmenti da 60 giri ed un segmento finale da 80 giri. Un format che garantirà punti a tutti i piloti del top ten nei primi due segmenti. Per quel che concerne la Xfinity, la prima e seconda fase saranno da 30 giri l’uno ed un segmento finale da 60 giri; per la Truck si tratteranno di due segmenti da 20 giri ed un terzo segmento finale da 60 giri con un totale di 100 giri da completare.

L’unico tracciato a farlo poche ore dopo il gigante ovale della Florida è stato il Watkins Glen di New York, uno dei due road courses del campionato per le date dal 3 al 6 agosto.

Nella Monster Energy NASCAR Cup Series  la suddivisione dei segmenti sarà come segue: giro 1-20 il primo segmento, 21-40 il secondo e 41-90 il segmento finale. Stessa cosa vale per la Xfinity Series nei primi due segmenti, con una fase finale che va dal 41° all’ 82° giro.

I segmenti delle altre gare successive a Daytona, salvo per l’appunto il Glen e Pocono pari a 20 tracciati e 32 gare complessive non sono ancora state annunciate.

 

Questo articolo è stato pubblicato in News e contrassegnato come , da Davide Sarti . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Davide Sarti

Mi chiamo Davide Sarti, laureato in Scienze della Comunicazione e seguito un corso gionalistico a Londra, sono a tutti gli effetti un grande appassionato della Nascar che sin dai tempi di Jeff Gordon ha seguito le orme dei vari campioni quali Jimmie Johnson e Tony Stewart. Cercherò di mostrarvi, raccontarvi tutto quello che si può sapere di questa categoria facendovi amare, possibilmente un mondo che sterza solo a sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *