Alon Day dalla Euro Series alla Monster Energy Cup

Il pilota israeliano nativo di Ashdod, Alon Day avrà l’opportunità di gareggiare nella massima serie NASCAR il prossimo 26 giugno sul tracciato stradale di Sonoma in California a bordo della Toyota 23 del BK Racing.

Day, pilota di punta del CAAL Racing nella NASCAR Whelen Euro Series con il quale ha ottenuto 7 vittorie e 5 pole positions in due anni e mezzo la cui più recente vittoria è stata a Brand Hatch la settimana scorsa, si è proclamato  per l’occasione “King of Brands Hatch”.

Tra le sue mire, oltre a completare il campionato della Euro Series che comprenderà le gare a Venray, Hockenheim, Franciacorta e le Finali di Zolder ad Ottobre, si aggiungono le gare negli States. Watkins Glen il 6 agosto e verosimilmente prendere parte anche ad altre gare nella Truck e nella Xfinity Series.

“Sono estremamente felice di debuttare nella Monster Energy Cup Series la prossima settimana a Sonoma. Essere il primo israeliano a prendere parte nella massima serie NASCAR. E’ un sogno diventato realtà” ha detto Alon Day.

Il pilota israeliano però non è alle prime armi con le gare oltreoceano, già lo scorso anno aveva preso parte a due gare nella Truck Series negli ovali di Loudon e Homestead i cui risultati sono 24° e 29°;  due gare nella Xfinity Series a Mid Ohio e a Road America chiudendo rispettivamente 13° e 30° posto.

Kumpen ottiene la Superpole a Brands Hatch, Dumarey affonda il colpo in Elite 2

Qualifiche al cardiopalma nella NASCAR Whelen Euro Series tra Anthoy Kumpen, Frederic Gabillon, Borja Garcia e Alon Day, i quali si sono spremuti fino al limite per ottenere una pole importantissima in chiave gara.

Quando a pochi secondi dal termine Gabillon sembrava di avere in pugno la pole, Anthony Kumpen ha trovato lo spunto veloce per marcare un tempo straordinario: 48.825 secondi beffando il transalpino di soli 80 centesimi di secondo. Entrambi completano la prima fila della gara Elite 1. In seconda fila il vincitore delle gare di Valencia Borja Garcia supera all’ ultimo Alon Day, fino a pochi istanti a soli 97 centesimi dalla pole. Seguono in griglia Goosens, Longin, Ercoli, Boucenna e Nordstrom.

Male invece Ferrando solo 11° mentre l’ex  Formula 1 Rodolfo Gonzalez scatterà dalla 12° posizione. Non va meglio per l’ex Formula 1 Bruno Junqueira ed il campione NASCAR 2000 Bobby Labonte, alla sua prima esperienza nel vecchio continente che figurano al  22° ed il 17° posto.

Nella Elite 2 è invece Guillaume Dumarey a completare lo sweep del PK Carsport e scatterà dalla pole in occasione della gara che prenderà il via alle 18 del pomeriggio. Il pilota belga sarà affiancato da Thomas Ferrando, quest’anno forse il pilota da battere iin questa categoria visto l’esperienza maturata rispetto ai suoi rivali. Nel Top Ten figurano voci come Ulysse Delsaux,Paul Guiod, Marconi de Abreu,Martin Doubek e Gil Linster. L’Elite 2  vedrà anche  l’interessante lotta per la lady Cup tra la la ragazza di Valencia Carmen Boix Gil e l’emiliana Arianna Casoli.

Le gare prederanno il via da Brands Hatch alle 14.30 ( Elite 1) e 18.10 (Elite 2)

Bobby Labonte sbarca in Europa nella NASCAR Euro Whelen Series

 

A 53 anni suonati Bobby Labonte non ne vuole sapere di appendere il volante al chiodo dopo 25 anni nella Monster Energy Cup e, a differenza del fratello Terry Labonte (ritiratosi nel 2014 57 anni) attraverserà l’oceano per gareggiare nella NASCAR  Euro Whelen Series a Brands Hatch il 9-10-11 giugno.

https://i1.wp.com/static.nascar.com/content/dam/nascar/drivers/B/bobby-labonte/hero/labonte%203.jpg/jcr:content/renditions/labonte%203.jpg.main.png?w=584

Una tentazione che porterà il leggendario Bobby Labonte a salire a bordo della Chevrolet numero 1 dell’ Alex Caffi Motorsports. Nell’ occasione se la vedrà con piloti esperti di questa tipologia di tracciati tra cui Borja Garcia, Salvador Tineo, Alon Day, Anthony Kumpen e Gianmarco Ercoli, tanto per citarne alcuni.

Rispetto a questi piloti la leggenda di Labonte venne costruita negli States dove prima di maturare il titolo nella Winston Cup nel 2000 a bordo della celeberrima auto 18 spinta dal Pontiac del Joe Gibbs Racing ha ottenuto il titolo nella Xfinity Series nel 1991.

Sulle orme del fratello Terry Labonte, Bobby ha preso parte a 729 gare ufficiali nella massima serie, in cui ha maturato 21 successi, 115 top 5s, 203 top 10 e 26 pole positions.Nonostante le 21 vittorie, Labonte non è mai riuscito a cogliere la bandiera a scacchi nei Road Courses  (Sonoma e Watkins Glen) dove il quarto posto a Sonoma sia nel 2000 che nel 1998 figurano come migliori risultati. Contrariamente, al Glen riuscì ad ottenere una pole e completare 27 giri in testa.

Il suo arrivo nel vecchio continente però non ha nulla a che fare con le statistiche ed il campionato in sè, ma è più per ricalcare la crescita della NASCAR Euro Whelen Series in un continente dove altre categorie hanno già una base solida tra i cuori degli appasionati.

Labonte avrà così l’opportunità di conoscere lo storico tracciato di Brands Hatch diventando il primo a pestare il continente europeo come pilota della massima serie aprendo possibilmente le porte ad altri suoi colleghi. Anche Jeff Gordon volò a Zolder nel 2016 ma solo in funzione Grand Marshal.

In attesa del suo debutto in questa serie non resta che dire: provaci ancora Bobby!

https://i1.wp.com/snaplap.s3-us-west-2.amazonaws.com/wp-content/uploads/2015/03/01074334/labonte-pocono.jpg?w=584