Ryan Blaney e Paul Menard cambiano team nel 2018

Ryan Blaney, pilota di punta dei Wood Brothers e Paul Menard, pilota con sette anni alle spalle a bordo della Chevrolet 27 di Richard Childress cambieranno sedile a fine stagione.

Blaney, recente vincitore a Pocono quest’anno a bordo della celeberrima Ford #21 dei Wood Brothers, ai quali ha regalato il 99° successo nella loro storia passerà al Penske Racing formando una triade composta dai veterani Logano e Keselowski.

Dunque Captain Roger riporterà in vita la Ford numero 12 che tanto ha regalato a suo tempo, a Ryan Newman con i suoi 13 successi dei 18 totali. Un’ auto che nella storia ha ottenuto ben 56 vittorie grazie a nomi di calibro come Bobby Allison, Neil Bonnett e LeeRoy Yarborough tra i tanti.

In fondo però è un auto che Ryan Blaney guidò nel 2014  a Talladega e in Kansas quasi come un test per il suo futuro nel team. D’altronde sin da quando fa parte dei Wood Brothers, team satellite di Penske aveva in tasca il posto nel team di spicco con cui correrà dal prossimo anno.

Blaney ha all’ attivo 1 vittoria, 7 top fives e 18 top ten in 75 gare.

Al suo posto sulla Ford 21 salirà Paul Menard, il quale lascia Childress dopo sette anni e scarsi risultati marcati dalla sola vittoria ad Indianapolis nel 2011.  Per il team storico è un passo indietro che porterà a scarsi risultati, già che da Menard non ci si può aspettare più di tanto. Basti pensare che sia Dillon, sia Newman hanno sigillato il pass per la post season con le vittorie a Phoenix e Charlotte, mentre Menard è ancora a secco.

Per lui solo 1 vittoria e 58 top ten in 384 gare ufficiali.

A questo punto rimane l’incognita di chi salirà a bordo della Chevrolet 27 che secondo le voci non ancora ufficiali andrà a Ty Dillon fratello minore di Austin Dillon.

blaney-face

Kansas: prima pole per Ryan Blaney

Ryan Blaney ottiene la pole position per la gara del Kansas

Ryan Blaney, uno dei più promettenti piloti della Monter Energy Series, ha ottenuto nella giornata di venerdì la prima pole position in carriera a bordo della celeberrima Ford #21 dei Wood Brothers alla velocità di 189.600 mph precedendo Kyle Busch di soli 9 millesimi.

https://i2.wp.com/www.nascar.com/wp-content/uploads/sites/7/2017/05/2017-May12-Ryan-Blaney-pole-award.jpg?w=584

Per lui si tratta di una pole position quasi inaspettata a conferma del ritorno alla ribalta di Ford che già la scorsa settimana aveva ottenuto pole e vittoria con Ricky Stenhouse Jr del Roush Fenway Racing.Ma Blaney dal canto suo ha sudato perecchio realizzando il quinto tempo nel primo round vinto da Kyle Busch ed il quarto miglior cronometro assoluto nel secondo sempre conquistato dal campione 2015.

Il guizzo finale di Blaney avvenuto a pochissimi minuti dal termine è bastato per sopravanzare un inossidabile Busch, ancora una volta beffato in una stagione sottottono.  D’altronde Ford piazza 5 vetture nei primi otto , quasi categoricamente intervallate dalle Toyota:  oltre a Blaney Joey  Logano, Ricky Stenhouse, Kurt Busch e Kevin Harvick.

La storia parla e questa giornata è anche dedicata aI Wood Brothers, i quali a distanza di 13 anni (Ricky Rudd a Talladega nel 2004) hanno ottenuto al 120° pole della loro storia, con un ragazzo la cui fiducia è stata ricambiata tramite i risultati eccellenti, e la pole in Kansas ne è ufficialmente la prova.

La Go Bowling 400 aprirà le danze nella notte di Sabato all’ 1.30 quando Ryan Blaney e Joey Logano guideranno il plotone verso la bandiera verde.

Xfinity Series: Justin Allgaier domina nel deserto dell’ Arizona

https://cbsstlouis.files.wordpress.com/2017/03/gettyimages-654944756.jpg?w=584&h=360&crop=1

Justin Allgaier ha visto nella giornata di sabato la DC Solar 200 sul miglio di Avondale mettendo sul campo la determinazione necessaria per concludere una striscia negativa di 80 gare senza vittoria.

Allgaier ha tenuto la leadership di gara per 85 giri sui 200 previsti portando la Chevrolet del JR Motorsports nel victory lane per la prima volta dal 2012 (Montreal), nel quale ha anche ottenuto il premio da 100.000 nel Dash 4 Cash.

Una gara che ha portato sorrisi al team con tutte le quattro auto nel top ten, e Sadler a fare compagnia al vincitore qualificandosi pure lui per il Dash4 Cash. Con loro sia Red Byron che Tyler Reddick saranno della partita.  Secondo Ryan Blaney su Ford Mustang seguito da Erik Jones su Toyota ed il Rookie Red Byron.

Il giovane Byron partito dalla pole position ha lasciato via libera a Jones ed Allgaier, in una gara  in cui le Cautions hanno fatto la loro storia: ben 9 in soli 200 giri. Jones ha comandato per 60 giri, 51 dei quali nel primo stage vinto da lui.

Nel secondo stage ha sorprendere tutti è stato Ryan Blaney capace d’impensierire e sorpassare Allgaier per la leadership a 10 giri dalla fine. Per Blaney si tratta del primo stage vinto in stagione.

Nelle ripartenze della terza ed ultima fase di gara, Allgaier ha dimostrato di avere un passo gara migliore, seppur la tenacia di Jones ha provato mettere i bastoni tra le ruote. Per Allgaier è la quarta vittoria nelle xfinity series in 211 gare.

 

Sprint All Star: rivelati i primi cinque piloti della lista

L’inizio delle votazioni per l’All Star di Charlotte sono già iniziate. I fan possono votare i primi trenta piloti che, in base al maggior numero di voti andranno a completare la griglia di questo evento.

I primi cinque più votati finora sono piloti di mezza classifica in cui non raffigura alcun  big. Eccoli in ordine alfabetico: Ryan Blaney, Matt di Benedetto, Chase Elliott, Kyle Larson e Danica Patrick.

Patrick vinse il Fan vote nel 2013 e l’anno scorso diventando la prima pilota ad ottenere il maggior numero di voti nella storia dell’ All Star più di una volta. Elliott e Blaney si trovano temporaneamente nel Chase e sono in lotta per il Rookie of The Year. Matt Di Benedetto ha dal canto suo il magnifico risultato ottenuto a Bristol che nessuno si sarebbe aspettato.Larson invece, viene da una tenace gara in Kansas, sfortunatamente finita male rimasto coinvolto in un incidente.

I fan potranno votare i loro piloti preferiti fio al 20 maggio attraverso i social ed il sito ufficiale. Dopo tale data sarà svelato chi parteciperà a questo evento di esibizione giunto alla sua 15° edizione.

nascar-nscs-cha-all-star-rr-922

Danica Patrick e Kyle Busch multati e penalizzati a Fontana

12376677_1081541815222008_73417514666635026_nNella giornata odierna la Nascar ha preso la decisione di penalizzare Danica Patrick e Kyle Busch per le loro violazioni durante la gara all’ Auto Club di Fontana, California.

La pilota dell’ Illinois, Danica Patrick coinvolta nell’ incidente con Kasey Kahne è entrata in pista segnalando l’auto di Kahne, regola in vigore dall’ estate 2014, quando  Ward perse la vita in un dirty track coinvolgendo Tony Stewart. La Patrick  ha ricevuto una multa di 20.000 dollari e sarà “controllata” per le prossime 4 gare.

Dall’ altro lato Kyle Busch, il quale non si è presentato in conferenza stampa dopo la gara nella Xfinity Series dopo aver la gara a due giri dal termine con lo scoppio della ruota posteriore destra. Il team ha anche protestato contro la Nascar per non aver esposto la bandiera gialla. Kyle dal canto suo ha una multa di 10.000 dollari e 4 gare sotto osservazione da parte degli ufficiali Nascar.

Oltre a loro due altri team sono stati penalizzati:

Carl Edwards non ha superato l’ispezione pre gara ben due volte, Kenseth non ha superato l’ispezione post gara e qualifiche per due volte, mentre per quel che concerne, Austin Dillon, Paul Menard e Ryan Blaney non hanno superato l’ispezione post qualifica.